Percorsi fotografici
Le città della memoria. Spazi urbani e mutamenti sociali nei primi anni del Novecento
Roma


All'indomani dell'annessione al Regno d'Italia nel 1870, Roma è sottoposta ad un rapido processo di adeguamento urbanistico alle funzioni di capitale politica e morale del Regno, che determina la radicale trasformazione (e spesso la scomparsa) di vaste aree della città medievale e moderna, ritenute non confacenti alla dignità del nuovo ruolo. Il primato politico e istituzionale imprime una nuova spinta alla città, permettendole di entrare nel rango delle capitali europee e tornare a crescere socialmente, demograficamente ed economicamente.

Sorgono in questo periodo i nuovi quartieri umbertini, come i Prati di Castello, con grandi strade ispirate al modello parigino che suddividono il tessuto urbano in lunghe prospettive rettilinee, e zone destinate a strutture di servizio, come il Mattatoio e il Policlinico. Una notevole attenzione, ispirata al concetto del decoro e della monumentalità, ricevono anche le aree archeologiche come il Foro romano e la Passeggiata Archeologica, oggetto di scavi e restauri. Anche il Tevere muta fisionomia con la ristrutturazione "ingegneristica" delle sue sponde: sorgono i muraglioni che ne arginano il corso prevenendo le inondazioni e i nuovi ponti che collegano le due parti della città.

Il processo di trasformazione, che dura per oltre quaranta anni, si conclude negli anni successivi all'inaugurazione del monumento a Vittorio Emanuele II (1911) - impresa che segna l'apice delle tendenze di gusto dell'epoca - e alla Grande Guerra, allorché inizia a manifestarsi una rinnovata coscienza dei valori storico-ambientali e la necessità di un riassetto complessivo della situazione urbanistica della città. Elementi che però troveranno reale attuazione solo dopo la fine del secondo conflitto mondiale.















Home page La storia La sede Direzione Le collezioni La fototeca Pubblicazioni La ricerca Link